L’etnia Macua

I macua sono un popolo bantu di circa 3 milioni di persone che vive nel nord del Mozambico, specialmente nella regione di Nampula nonch? in quelle di Niassa, Cabo Delgado e Zambezia. La loro lingua appartiene al gruppo bantu.
Tradizionalmente, i macua prevedono la sola diffusione orale delle proprie conoscenze, ma da alcuni anni, stanno letteralmente inventando una versione scritta Xirima per lasciare ai posteri un patrimonio culturale non indifferente, fatto di riti, di usanze, di storie ancestrali. La lingua ufficiale resta il portoghese.

Il Mozambico si ? reso indipendente dal Portogallo nel 1975, dopo un decennio di guerriglia che ha isolato il Paese dall’esterno preservando, indirettamente, le usanze dei macua che basano la propria esistenza ed economia sull’avvicendarsi delle stagioni. Sono, infatti, agricoltori, e solo all’occorrenza cacciatori.

Il tempo, qui ? scandito dalla semina e dalla raccolta. Gli antichi costumi si permeano sulla credenza che la donna sia il centro del tutto. Ogni cosa ? vista al femminile. Tutto viene generato dalla donna e ad essa torna.

E’colei che crea, e nella cultura macua, vuol dire essenzialmente seminare il passato nel presente per il futuro. La donna ? lo statuto stesso della vita sociale. E’ matriarca ed ? lei che delega parte dei propri poteri al Mwene, il re del villaggio.

Le ragazze, sin dalla tenera et?, trascorrono il proprio tempo con le anziane del gruppo, le nonne, da cui apprendono in che modo gestire la propria vita. L’iniziazione femminile ? costante e mira alla formazione della famiglia, alla procreazione.
Per i ragazzi, invece si tratta del passaggio dalla fanciullezza all’et? delle responsabilit?, ovvero la fecondazione, il procacciamento del cibo, del vestiario e la sepoltura dei morti. Rito, quest’ultimo molto importante.

I macua ritengono che ogni cosa, ogni persona, sia generata dal ventre di una montagna chiamata Namuli. Il centro dell’universo. E alla fine del ciclo vitale, tutto torna al monte, visto come il seno materno di Dio. La divinit?, il Muluku, con cui si relazionano attraverso gli antenati celebrando banchetti, ? concepita al femminile.
La donna macua ?, quindi, sovrana perch? fonte di vita